Dal 6 marzo in vigore il nuovo Dpcm. Ecco cosa prevede in zona arancione

gazzetta-ufficiale

Il nuovo Dpcm (QUI il documento completo) con le disposizioni anti contagio, il primo del Governo Draghi, è stato firmato ed entrerà in vigore il 6 marzo e sarà valido fino al 6 aprile. Ecco cosa prevede per la zona arancione (quella in cui si trova al momento la provincia di Grosseto):

Attività dei servizi di ristorazione

• Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.

• Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22 la

ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice Ateco 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.

• Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Musei, istituti, luoghi della cultura e spettacoli aperti al pubblico

• Sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’art. 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemica.

• Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto.

Le seguenti, invece, sono disposizioni che riguardano tutte le zone non solo quella arancione: dal 6 marzo cessa il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25.00). per quanto riguarda le lavanderie in gallerie commerciali e mercati coperti il Dpcm aggiunge lavanderie e tintorie alle attività la cui apertura in questi spazi è consentita nei festivi e prefestivi, oltre alle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23,