Immagine e benessere: audizione alla Camera

immagine-e-benessere

Nei giorni scorsi una delegazione del comparto Immagine e Benessere Confesercenti è stata ricevuta dalla Presidente della X Commissione (attività produttive) della Camera dei Deputati, onorevole Barbara Saltamartini, per parlare del nuovo progetto di legge sull’Estetica.

Nella delegazione di Immagine e Benessere, il Presidente nazionale dell’associazione Sebastiano Liso, il Responsabile nazionale dell’area Acconciatori Filiberto Figliolini, il Responsabile nazionale Make-Up Artist Roberto Ciasca, insieme alla Coordinatrice nazionale Pina Parnofiello.

I rappresentanti di Immagine e Benessere hanno portato all’attenzione della Presidente e del suo staff le diverse problematiche del settore: dal nuovo profilo della figura professionale dell’estetista, del tatuatore e dell’onicotecnico, agli aspetti formativi delle figure professionali.

Tra i temi dell’incontro la proposta di legge per riorganizzare il comparto, un intervento su cui Immagine e Benessere esprime un giudizio molto positivo, anche se – ha spiegato il presidente Liso – permangono alcune problematiche sulle quali ci siamo espressi molto concretamente come Sindacato e sulle quali abbiamo segnalato le nostre deduzioni.

Il progetto ha l’obiettivo di contrastare l’abusivismo, l’illegalità e concorrenza sleale, molto presenti ed insidiosi nelle nostre categorie, danneggiando gli operatori che basano la loro attività sull’onestà e sul rispetto della legge.

La proposta di Immagine e Benessere Confesercenti prevede l’introduzione di elenchi nazionali delle Estetiste e dei Tatuatori, sottoposti al controllo del Ministero della Salute, ad una profonda modifica sul piano formativo.

E’ stata segnalata la necessità di una formazione omogenea su tutto il territorio nazionale. Il Responsabile Figliolini ha posto, in particolare, il problema del controllo da parte delle Autorità competenti sulle Scuole di Formazione Professionali, sia pubbliche che private, e la questione del rilascio dell’autorizzazione alle strutture che corrispondono a criteri di efficienza e serietà.

Altra proposta, avanzata dal Responsabile Ciasca, è quella del riconoscimento della figura professionale del Make-Up artist, un professionista che attualmente nella legislazione odierna non trova alcun riconoscimento normativo e professionale, per il quale bisogna assolutamente trovare una soluzione a questi professionisti che non possono essere assimilati alle estetiste per la natura peculiare che rivestono nel mondo della bellezza.

La Prova D’arte è stata un altro degli argomenti affrontati nell’incontro. Il Presidente Liso ha sottoposto all’attenzione della Presidente l’opportunità di accogliere nella proposta di legge questo importante strumento, che permette di trasformare la professionalità acquisita nel campo da chi non è in possesso della qualifica in un esame che certifica e dà valore al bagaglio di competenze acquisite nel contesto lavorativo.

Questa proposta è già diventata realtà in Sicilia, grazie al lavoro ed all’impegno del Responsabile nazionale delle Barberie, Nunzio Reina.

L’impegno del Sindacato sarà volto affinché la Prova d’Arte sia estesa su tutto il territorio nazionale: permetterebbe infatti di sanare situazioni vecchie che fino ad oggi non hanno trovato una giusta risoluzione per l’eccessiva burocratizzazione.

La Presidente della Commissione Attività Produttive a Montecitorio ha ascoltato con interesse ed apertura le istanze presentate dagli imprenditori Confesercenti; ha preso l’impegno di approfondire i temi sollevati nel corso dell’incontro e di valutare le proposte emendative che verranno messe a punto dall’associazione.

Per rendere più chiare le novità – e le eventuali problematicità – della nuova normativa, Immagine e Benessere Confesercenti ha previsto una serie di incontri con le sedi regionali su tutto il territorio nazionale, programmati per il corso dell’anno 2020.