Noleggio con conducente: in vigore il nuovo DL

ncc-634043-660x368

E’ in vigore a partire dal 30 dicembre u.s. il decreto legge 143/18 recante ‘Disposizioni urgenti in materia di autoservizi pubblici non di linea’, suscettibile di conversione in legge ordinaria con eventuali ed auspicabili modificazioni entro il prossimo 27 febbraio 2019.

Si allega, nelle more dei lavori parlamentari per la conversione in legge del medesimo decreto, una Tabella comparativa ove si evidenzia le principali integrazioni ivi previste, rispetto al testo degli artt. 3 e 11 vigente Legge quadro n. 21/1992 e ss., con particolare attenzione, tra l’altro, alla graduale introduzione del ‘foglio di servizio in formato elettronico’ previe specifiche tecniche da adottare con successivo DM entro il 30 giugno 2019, alla duplice facoltà per gli operatori del settore di iniziare un nuovo servizio ‘senza il rientro in rimessa’ e di ‘fermare il veicolo su suolo pubblico ’ in attesa del cliente prenotato e nel corso del servizio stesso.

Si chiarisce infine che dal nuovo DL, salvo ulteriori variazioni in sede di conversione, può evincersi quanto segue:

–          resteranno sospese sino al 29 marzo 2019 sia le sanzioni disciplinari di cui all’art. 11-bis vigente Legge quadro n. 21/1992 e ss., per ogni eventuale inosservanza da parte dei titolari di licenza taxi e dei titolari di autorizzazione NCC rispetto ai precedenti artt. 3 e 11 integrati come evidenziato (v. Tabella), sia le sanzioni pecuniarie amministrative di cui all’art. 85 commi 4 e 4-bis D. Lgs n. 285/1992 e ss. (Codice della strada), relative come è noto ad inottemperanze dei soli titolari di autorizzazione al servizio NCC per il trasporto di persone. Pertanto, tali provvedimenti sospesi troveranno applicazione soltanto a decorrere dal 30 marzo 2019 p.v..

–          entro il 30 dicembre 2019 sarà istituito, presso il Centro elaborazione dati del MIT, un Registro elettronico nazionale delle imprese titolari di licenza per il servizio taxi e delle imprese titolari di autorizzazione per il  servizio NCC, salvo restando che anche in tal caso le specifiche tecniche per le modalità di registrazione saranno individuate con apposito Decreto dal predetto dicastero;

–          a decorrere dal 1° gennaio 2019 si ritiene abrogato l’art. 2 comma 3 DL n. 40/2010 e ss. recante la previsione di disposizioni ministeriali attuative, tese a prevenire l’esercizio abusivo del servizio in oggetto, la cui adozione è stata rinviata con cadenza annuale tramite apposite proroghe di termini ;

–          a partire dal 30 dicembre 2018 u.s. e sino alla piena  operatività del previsto Archivio informatico nazionale delle imprese, non sarà permesso il rilascio da parte dei Comuni di nuove autorizzazioni per l’espletamento del servizio NCC;

–          a decorrere dal 1° gennaio 2019 si ritiene abrogato l’art. 7-bis DL n. 5/2009 e ss. contenente come è noto la parimenti prorogata sospensione di efficacia delle norme già contemplate in materia ai sensi del precedente DL n. 207/2008 ss.;

–          la materia delle piattaforme tecnologiche di intermediazione tra domanda ed offerta di autoservizi pubblici non di linea sarà disciplinata con apposito DPCM che il Governo adotterà su proposta del MIT e del MISE;

–          sino ad ogni eventuale Intesa da raggiungere in Conferenza Unificata entro il 28 febbraio 2019 – e comunque non oltre il 30 dicembre 2020 – ogni singolo servizio, salvo restando l’obbligo di prenotazione, può iniziare da luogo diverso dalla rimessa qualora sia svolto in esecuzione di un contratto in essere tra cliente e vettore, stipulato in forma scritta con data certa sino al 15 dicembre 2018 e regolarmente registrato. Si intende che tale contratto dovrà essere custodito a bordo delle vetture o presso la sede – in originale o copia conforme – ed esibito in caso di controllo.

Di seguito i link per scaricare il decreto e la tabella comparativa.

Decreto Legge n. 143 2018

Tabella compratativa modifiche