Scadenze Fiscali Marzo 2018

kalendar_web

Si evidenziano le principali scadenze del mese di marzo 2018

MARZO 7 CERTIFICAZIONE UNICA

Scade il termine per l’invio telematico del modello CU2018 per i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni di lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi corrisposti nel 2017

 

MARZO 9 INVIO DATI DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Scade oggi il termine per comunicare i dati relativi alle rette per la frequenza degli asili nido, agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali e alle spese sanitarie rimborsate

 

MARZO 16 TASSA ANNUALE LIBRI SOCIALI

Ultimo giorno per il pagamento della tassa annuale CC.GG. da parte delle società di capitale per la numerazione e bollatura dei libri sociali, del libro giornale e inventari. La tassa è di € 309,87 se il capitale, all’01/01/2017, non è superiore a € 516.456,90; è di € 516,46 se invece il capitale supera € 516.456,90. Il versamento deve essere effettuato attraverso il modello F24, codice tributo 7085, anno di riferimento 2018. La tassa può essere compensata con eventuali crediti.

 

    IVA – LIQUIDAZIONE PERIODICA – SOGGETTI MENSILI

Versamento dell’IVA a debito presso gli istituti o le aziende di credito o gli uffici e le agenzie postali o i concessionari della riscossione con l’utilizzo del mod. F24 – codice tributo: 6002 (versamento Iva mensile – febbraio), da parte dei contribuenti Iva mensili.

 

    VERSAMENTO SALDO IVA DERIVANTE DALLA DICHIARAZIONE ANNUALE

Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’IVA relativa all’anno d’imposta 2017 risultante dalla Dichiarazione Annuale Iva

 

    RITENUTE ALLA FONTE

Versamento delle ritenute alla fonte operate nel corso del mese precedente ( compensi per l’esercizio di arti e professioni – provvigioni per intermediazione – retribuzioni di lavoro dipendente) con utilizzo del mod. F24.

 

IMPOSTA SUGLI INTRATTENIMENTI

Termine per il versamento dell’imposta sugli intrattenimenti del mese precedente da parte dei soggetti che esercitano attività di intrattenimento in modo continuativo

 

INPS – CONTRIBUTI PERSONALE DIPENDENTE

Pagamento dei contributi dovuti sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti di competenza del precedente mese, mediante versamento presso gli istituti e le aziende di credito o gli uffici e le agenzie postali o i concessionari della riscossione con l’utilizzo del mod. F24.

 

INPS – CONTRIBUTI GESTIONE SEPARATA

Pagamento, da parte dei soggetti committenti, dei contributi relativi alla gestione separata INPS dovuti sui compensi corrisposti nel corso del precedente mese. Per il versamento si utilizza il mod. F24.

 

MARZO 25 Scadenza Effettiva Lunedì 26 marzo

INTRASTAT – mensili

Presentazione degli elenchi riepilogativi mensili delle cessioni e degli acquisti intracomunitari relativi al mese precedente

 

MARZO 31 F.I.R.R.

Scade il termine per il versamento del F.I.R.R. relativo all’anno precedente da parte delle imprese mandanti.

 

UNI-EMENS

Scade il termine per l’invio telematico della dichiarazione Uni-emens relativa al mese precedente.

 

SCHEDA CARBURANTE

Alla fine del mese (o del trimestre, a seconda della modalità prescelta) occorre rilevare sulla scheda carburante il numero dei chilometri dell’automezzo. Abbiamo una guida alla corretta compilazione della carta carburante.

 

RINNOVO CONTRATTI DI LOCAZIONE – IMPOSTA DI REGISTRO

Scade il termine per il versamento dell’imposta di registro – pari al 2% del canone annuo – relativa ai contratti di locazione per i quali non si applica il regime della cedolare secca decorrenti dal giorno 1 del mese.

 

ENTRO IL 31 MARZO DEPOSITO DEI PROGETTI DI BILANCIO

L’art. 2429 c. 1 c.c. stabilisce che il progetto di bilancio deve essere comunicato, almeno 30 giorni prima dell’assemblea dei soci convocata per l’approvazione, all’organo sindacale e, ove esistente, al revisore legale dei conti, unitamente alla relazione sulla gestione; in altre parole, il progetto di bilancio delle società aventi l’esercizio coincidente con l’anno solare deve essere comunicato a tali organi di vigilanza ed auditing entro il 31 marzo 2018.

 

    ROTTAMAZIONE BIS 2018

Coloro che hanno partecipato alla prima rottamazione ma ne sono stati esclusi perché non hanno pagato le rate successive, possono rientrare nella nuova rottamazione bis se, entro il 31 marzo 2018, pagano le rate scadute in un’unica soluzione.