Società sportive: confermata esenzione da imposta di bollo

marca-da-bollo

Associazioni e società sportive dilettantistiche sono esentate dall’imposta di bollo su atti e documenti, incluse le ricevute di avvenuto pagamento delle quote associative e gli estratti conto. Lo ha chiarito l’agenzia delle Entrate con una specifica risposta ad interpello.

A decorrere dal 1° gennaio 2019, l’articolo 27- bis della tabella allegata al d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642, è stato modificato nel senso che l’esenzione dall’imposta di bollo, già prevista per “Atti, documenti, istanze, contratti, nonché copie (…) estratti, certificazioni, dichiarazioni e attestazioni poste in essere o richiesti…” da Onlus, federazioni sportive, enti di promozione sportiva e dalle associazioni sportive, è stata estesa anche alle “società sportive dilettantistiche senza fine di lucro” riconosciute dal CONI.

Più in particolare, l’articolo 27-bis della citata tabella prevede l’esenzione per gli “atti, documenti, istanze, contratti, nonché copie anche se dichiarate 3 conformi, estratti, certificazioni, dichiarazioni e attestazioni poste in essere o richiesti da organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) nonché dalle federazioni sportive, dagli enti di promozione sportiva e dalle associazioni e società sportive dilettantistiche senza fine di lucro riconosciuti dal CONI”.

Secondo l’Agenzia delle Entrate l’esenzione prevista dalla norma tributaria sopra citata relativa all’imposta di bollo, trova applicazione anche con riferimento alle ricevute rilasciate dalla società sportiva; ciò in quanto le medesime ricevute rappresentano un documento con il quale si certificano i servizi specifici erogati agli associati a fronte dell’importo versato dai beneficiari di tali prestazioni. Inoltre, anche gli estratti conto corrente possono fruire dell’esenzione ex articolo 27-bis della tabella allegata al d.P.R. n. 642 del 1972; ciò in quanto l’espressione “estratti” si ritiene possa includere anche i documenti contenenti informazioni in ordine alla gestione finanziaria del conto corrente.

Scarica la nota della Agenzia delle Entrate